Hard skills e soft skills: come inserirle nel curriculum perfetto

Hard skills

Hai mai sentito parlare di hard skills e soft skills? Sicuramente se stai leggendo questo articolo ne hai già sentito parlare…

Ottimo! Hai già fatto un bel passo in avanti per differenziarti rispetto alle altre persone e per avere più possibilità di trovare il lavoro che desideri.

Perchè?

Perchè le tue competenze (skills) sono la cosa più importante che i recruiter valutano quando leggono i CV per capire se una persona è quella giusta per quel posto di lavoro oppure no.

In questo articolo approfondiremo insieme il tema delle competenze e abilità, per poterle aggiungere al tuo curriculum e farlo risultare accattivante per qualsiasi recruiter.

Mettiti comodo, l’articolo è piuttosto lungo, ma ti assicuro che vale la pena leggerlo fino in fondo se vuoi veramente avere una marcia in più rispetto agli altri candidati.

Bene, partiamo!

I recruiter, e quindi le aziende, cercano due tipi di competenze: soft skills e hard skills.

Le hard skills dimostrano che sei bravo per un lavoro specifico. Nessuno è nato con questo tipo di competenze, ma sono state acquisite durante gli anni.

Tre esempi di hard skills sono: saper programmare al computer, il budget e saper preparare i cocktail.

Le soft skills invece dimostrano che saresti perfetto ovunque. Fanno parte della tua personalità, ma puoi impararle.

Tre esempi di soft skills sono: empatia, comunicazione e leadership.

Per essere assunto, è necessario mostrare durante un colloquio:

  • Le giuste hard skills e soft skills
  • Il giusto mix di hard e soft skills
  • Presentare nel modo corretto le diverse competenze

Questa guida ti mostrerà:

  • La differenza tra hard skills e soft skills
  • Elenchi di entrambi i tipi di competenze che i datori di lavoro desiderano di più ritrovare nei candidati
  • Perché far risaltare abilità soft e hard leggermente diverse per ogni lavoro a cui ti candidi
  • Come evidenziare abilità hard e soft su un curriculum per essere assunto più velocemente

Hard Skills e Soft Skills: qual è la differenza?

Qual è la differenza tra abilità hard e soft?

Le aziende spesso dicono ai recruiter che vogliono entrambe le competenze. Ma quali sono quelle più importanti?

Cosa sono le hard skills?

Le hard skills sono abilità e competenze insegnabili o facilmente misurabili. Definiamo hard skills, le abilità tecniche che servono per svolgere un determinato lavoro. Normalmente, puoi acquisire questo tipo di competenze in classe (scuole superiori, professionali o università), in un corso online, attraverso libri e altri materiali oppure direttamente sul lavoro.

Se ti occupi di vendita al dettaglio, significa fare la chiusura contabile della cassa oppure o rifornire gli scaffali di prodotti. Se ti occupi di sistemi informativi, Il tuo elenco di competenze per il curriculum potrebbe avere la codifica Java o la configurazione di reti.

Esempi di hard skills per i contabili sono il saper leggere un bilancio e sapere registrare le scritture contabili. Per gli infermieri invece potrebbero essere la cura del paziente e il saper fare un prelievo.

Cosa sono le soft skill?

Le soft skills sono abilità non univoche per nessun lavoro. Sei un grande comunicatore? Collabori con gli altri? Queste sono le tue soft skills.

Per esempio:

  • Capacità di comunicazione
  • Abilità manageriali
  • Creatività
  • Adattabilità

Ok ora hai capito cosa sono le hard skills e lo soft skills…

Adesso non puoi semplicemente scrivere nel tuo curriculum che le possiedi e aspettarti che i recruiter ti contattino per proporti un lavoro…

Continua a leggere per scoprire come scegliere le competenze perfette per il tuo CV e come metterle in risalto nel curriculum.

Probabilmente starai pensando che sono le hard skills quelle che contano di più…

In realtà ti stai sbagliando!

Uno studio di LinkedIn evidenzia che il 57% dei leader delle diverse aziende apprezzano di più le soft skills rispetto alle hard skills.

Qual è la differenza tra Soft Skills e Hard Skills?

Le hard skills sono abilità e competenze insegnabili e misurabili, come la scrittura, la lettura, la matematica o la capacità di usare programmi per computer. Al contrario, le soft skills sono i tratti che ti rendono un buon dipendente, come la comunicazione, l’ascolto o l’andare d’accordo con le altre persone.

Cosa cercano i datori di lavoro?

I datori di lavoro cercano la prova che tu possiede le giuste hard skills e soft skills per quel lavoro.
Nella mia carriere mi è capitato di analizzare migliaia di curriculum e lettere di presentazione e la stragrande maggioranza delle persone scriveva in modo generico: “Sono un gran lavoratore, energico e bravo a comunicatore”.

È come una bottiglia di vino che dice: “Ha un sapore fantastico!”…

Non significa niente.

Nel curriculum e nella lettera di presentazione, devi scegliere le esatte competenze che il recruiter sta cercando e dimostrare che le possiedi.

Come? Tra poco te lo mostrerò…

Elenco delle soft skills e come scegliere quelle che i recruiter desiderano

Cosa vogliono i recruiter?

Potresti inserire una qualsiasi delle soft skills indicate qui di seguito in un curriculum.

Ma quali ti faranno assumere?

Dopo l’elenco delle competenze ti mostrerò cosa devi fare…

Soft skills

  • Leadership
  • Prendere decisioni
  • Comunicare
  • Ascoltare
  • Collaborare con gli altri
  • Coordinazione
  • Gestione del tempo
  • Apprendimento attivo
  • Abilità interpersonali
  • Attenzione ai dettagli
  • Forte etica lavorativa
  • Persuasione
  • Risoluzione dei problemi
  • Flessibilità / adattabilità
  • Affidabilità
  • Fiducia in se stessi
  • Compassione
  • Motivazione personale
  • Onestà
  • Pensiero critico

Come scegliere le competenze trasversali giuste per essere assunto

Otterrai il lavoro se riempi il tuo curriculum con tutte le abilità nell’elenco sopra? O anche le prime 10 soft skills?

No!

Chiunque può farlo.

Quindi la soluzione migliore è scegliere le poche competenze che il recruiter sta cercando e inserire quelle per ottenere il colloquio.

Come?

Devi guardare l’annuncio di lavoro.

Ecco una job description di esempio da LinkedIn, leggermente modificata:

Ricerca per un amministrativo/contabili. Buone capacità di comunicazione scritta e verbale, contabilità e inserimento dati. Deve essere affidabile e avere una forte etica del lavoro. Svolgerà la funzione di registrazione fatture passive...

Ecco qui!! Non devi cercare un elenco di soft skills da inserire nel curriculum.

Il recruiter che ha scritto l’annuncio di lavoro ti ha appena detto cosa dire.

Elenca queste competenze nel tuo CV e avrai sicuramente molte più possibilità di ottenere un colloquio.

Per essere ancora più efficace, cerca di mostrare una prova che possiedi quelle competenze in modo da far dire al recruiter “Wow! Questo è proprio quello che stavo cercando”.

Ti mostrerò come farlo tra un po’…

Un suggerimento: non limitarti a imitare l’elenco delle competenze indicate nell’annuncio di lavoro. Se hai un paio di abilità in più che sai che verranno apprezzate, aggiungile pure.

Come elencare le giuste hard skills nel curriculum

Quali hard skills dovresti invece indicare nel tuo curriculum?

Come abbiamo visto poco prima ci sono circa una ventina di soft skills, quindi non un numero elevatissimo. Mentre invece ci sono migliaia di hard skills perchè le professioni e le competenze specifiche sono moltissime.

Sarebbe quindi impossibile indicare tutte le hard skills in questo articolo.

Innanzitutto, devi trovare le competenze che corrispondono al tuo campo da inserire nel CV.

Ma non fermarti a questo…

La maggior parte dei candidati elenca troppe competenze nel curriculum. In realtà, questo per te è una buona cosa, perché ti rende più facile batterli.

Per farlo, devi concentrarti sulla breve lista di hard skills che il recruiter desidera.

Dai un’occhiata a questo esempio di job description:

Il candidato perfetto per questo lavoro ha esperienza con l’utilizzo di Microsoft Excel, oltre a una solida conoscenza della lingua inglese e francese.

Bene, ecco la tua lista di hard skills da evidenziare nel tuo CV.

Il consiglio che ti do è quindi quello di non riportare un elenco enorme di hard skills nel tuo curriculum e mandarlo a raffica a tutte gli annunci di lavoro che vedi.

Scrivi un modello di curriculum, quindi personalizzalo per adattarlo a ogni lavoro a cui ti candidi. Aggiungi solo l’elenco delle hard skills che il recruiter desidera, più un paio di altre competenze.

Inoltre, proprio come descritto con le soft skills, non limitarti a elencare le tue abilità di curriculum…

Ma, dimostra che le possiedi.

Tra poco ti mostrerò come…

Se ti accorgi di non avere le giuste competenze richieste dal lavoro, puoi utilizzare le lezioni online. Io utilizzo spesso Udemy, dove sono presenti tantissimi corsi online su i più diversi argomenti.

Come dimostrare le tue competenze e abilità per ottenere il colloquio

Nei paragrafi precedenti hai visto come scegliere l’elenco corretto di hard skills e soft skills da inserire nel tuo curriculum.

Ora impara a dimostrare di possedere queste competenze per rendere accattivante il tuo CV per i recruiter.

Come provare le competenze sul tuo curriculum

Puoi davvero dimostrare le abilità su un foglio di carta?

Si, puoi!

Cioè, puoi dimostrare le tue competenze in modo abbastanza chiaro per ottenere il colloquio. Abbastanza da far dire al responsabile delle assunzioni: “Scopriamolo di persona”.

Come?

Mostrando i risultati.

Se per esempio l’annuncio di lavoro dice: “Siamo alla ricerca di un grafico esperto in (1) comunicazione, (2) lavoro di squadra, (3) e-commerce e (4) layout per siti web.”

Innanzitutto, aggiungi un elenco di soft skills e hard skills nel tuo curriculum.

Ma per ottenere il lavoro, aggiungile mostrando i risultati:

Ho collaborato e (1) comunicato quotidianamente con (2) un team marketing di 15 persone. Ho fatto presentazioni mensili sui progressi al team. Ho svolto riunioni del team per portare a termine un progetto che ha aumentato le entrate per (3) un cliente con un sito di e-commerce del 15%.
Ho contribuito alla creazione di un sito di un cliente che (3) ha vinto il Shopify Ecommerce Design Award.
(2) Ho collaborato a 30 progetti per creare immagini e (4) layout per contenuti online.

Ottimo!

Hai appena comunicato le tue competenze dimostrandole attraverso i risultati raggiunti.

Quando descrivi i risultati, usa percentuali, cifre in euro e altre metriche per mostrare in modo molto chiaro i risultati raggiunti e dargli ancora più valore.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo scoperto che:

  • Le soft skills sono tratti che ti rendono un buon lavoratore. Sono competenze come l’etica del lavoro, l’organizzazione, la comunicazione, la collaborazione e la leadership.
  • Le hard skills sono abilità che impari a scuola o sul lavoro. Sono cose come la programmazione al computer, la gestione delle campagne di marketing e le previsioni finanziarie.
  • I datori di lavoro vogliono un mix di hard skills e soft skills sul tuo curriculum. Trova le competenze che i recruiter desiderano di più, leggendo direttamente l’annuncio di lavoro.
  • Non limitarti a elencare le competenze su un curriculum. Dimostra di possederle attraverso la descrizione di risultati misurabili che hai ottenuto durante la tua carriera professionale.

Spero che questo articolo ti sia stato utile!

Se il tuo obiettivo è trovare un nuovo lavoro, ho preparato anche una guida gratuita di più di 90 pagine con i diversi step per aiutarti a trovare il lavoro dei sogni. I diversi passaggi descrivono in dettaglio cosa fare e sono suddivisi in giorni. Se ti interessa scarica la guida gratuita “Trova il lavoro dei tuoi sogni in meno di un mese”.

Ah, devo chiederti un favore!

Ogni volta che mi impegno nella stesura di questi articoli lo faccio per tutti i lettori come te che sono interessati a ricevere utili consigli.

Avere un blog e mantenerlo porta via tanto tempo, per questo la più grande soddisfazione per me è ricevere condivisioni e commenti di critica positiva (e negativa)!

Per questo ti chiedo se puoi condividere l’articolo o commentare l’articolo con la tua opinione al riguardo. Se hai domande, non esitare a farle!

Ci vediamo in giro!

Monica

3 commenti
  1. Manuel Miglioranza
    Manuel Miglioranza dice:

    Un articolo scritto in modo chiaro ed esaustivo, sicuramente una fonte di utilissimi consigli per chi cerca, o vuole, cambiare lavoro. Grazie.

    Rispondi
  2. Ilaria
    Ilaria dice:

    Per me questo articolo è stato molto costruttivo,e mi congratulo per la capacità di spiegare concetti “pesanti”, in modo semplice e chiaro.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *