Le 50 domande del colloquio di lavoro e le relative risposte [Lista completa]

Domande del colloquio di lavoro

Non sarebbe fantastico se potessi sapere in anticipo quali domande ti farà un selezionatore nel tuo prossimo colloquio di lavoro?

Sfortunatamente, questo non è possibile, ma ti posso fornire una cosa altrettanto utile che aumenterà in modo esponenziale le tue probabilità di superare con successo il colloquio.

In questo articolo troverai un elenco delle domande del colloquio di lavoro che vengono fatte più frequentemente, con i relativi consigli per rispondere in modo perfetto.

Anche se non ti consiglio di prepararti una risposta preconfezionata per ogni domanda (e ti prego se puoi evitalo proprio!), ti consiglio di dedicare un po’ di tempo a prendere confidenza con ciò che ti potrebbe venire chiesto, in modo da capire cosa cercano davvero i responsabili delle assunzioni nelle tue risposte, e cosa serve per dimostrare che sei la persona giusta per quel determinato lavoro.

Se invece il tuo problema non sono le domande del colloquio di lavoro, ma fai difficoltà ad ottenere colloqui, allora ti consiglio di capire quali sono gli errori da evitare per ottenere un colloquio di lavoro.

Vediamo insieme quali sono le domande del colloquio di lavoro più frequenti.

Indice dei contenuti

Domande del colloquio di lavoro classiche

Queste domande riguardano i punti essenziali essenziali che i selezionatori vogliono sapere sui diversi candidati: chi sei, perché sei adatto per il lavoro e in cosa sei bravo. Potrebbero non esserti poste esattamente queste domande con esattamente queste parole, ma se hai in mente le varie risposte allora sarai preparato per qualsiasi cosa l’intervistatore ti chieda.

1. Parlami di te

Questa domanda sembra semplice e infatti moltissime persone non pensano sia necessario prepararsi, ma è una delle domande del colloquio di lavoro più importanti, perché è cruciale per inquadrare se sei il candidato ideale.

Per rispondere a questa domanda, non devi descrivere la tua storia lavorativa completa (o personale). Invece, devi fare una presentazione di te stesso, che sia concisa e avvincente e che mostri esattamente perché sei la persona giusta per il lavoro.

Quello che puoi fare è utilizzare una formula presente, passato e futuro. Parla un po’ del tuo ruolo attuale, del settore in cui operi e di alcuni risultati che hai raggiunto, quindi fornisci alcune informazioni su come sei arrivato a quel ruolo e sull’esperienza che hai maturato, in modo da mostrare che hai le competenze e le abilità giuste. Infine, descrivi il motivo per cui vuoi cambiare lavoro e perché questo ruolo sarebbe perfetto per te.

2. Come hai saputo di questa posizione?

Un’altra domanda del colloquio apparentemente innocua, ma questa è in realtà un’opportunità perfetta per distinguersi e mostrare la tua passione e interesse nei confronti dell’azienda. Ad esempio, se hai scoperto l’annuncio attraverso un amico o un contatto professionale, fai il nome di quella persona, quindi condividi il motivo per cui eri così entusiasta del lavoro. Se hai scoperto l’azienda attraverso un evento o un articolo, condividilo. Anche se hai trovato l’annuncio tramite un sito di lavoro in modo casuale, condividi ciò che, in particolare, ha attirato la tua attenzione.

3. Perché vuoi lavorare in questa azienda?

Attenzione alle risposte generiche!

Questa è una di quelle domande del colloquio di lavoro in cui devi essere specifico.

Se quello che dici può valere per un’intera sfilza di altre aziende, o se la tua risposta ti fa sembrare come tutti gli altri candidati, stai perdendo un’opportunità per distinguerti.

Fai una ricerca sull’azienda e punta a qualcosa che renda l’azienda unica e che ti piaccia davvero; parla di come hai visto crescere e cambiare l’azienda da quando ne hai sentito parlare per la prima volta; oppure concentrati sulle opportunità dell’organizzazione per la crescita futura e su come potresti fornire il tuo contributo; oppure condividi ciò che ti ha entusiasmato finora parlando con altri dipendenti.

Qualunque sia il percorso che scegli, assicurati di essere specifico.

E se non riesci a capire perché vorresti lavorare nell’azienda con cui stai facendo il colloquio?

Fai attenzione perché questo potrebbe essere una bandiera rossa che ti dice che questa posizione non è adatta a te.

4. Cosa puoi portare alla nostra azienda?

Quando i selezionatori fanno questa domanda, non vogliono solo conoscere il tuo background. Vogliono vedere che capisci quali problemi e sfide stanno affrontando come azienda o come dipartimento e come ti inserirai nell’organizzazione esistente.

Leggi attentamente la descrizione della posizione lavorativa, fai le tue ricerche sull’azienda e assicurati di prestare attenzione nei prime fasi del colloquio per comprendere se ci sono eventuali problemi in azienda che la tua assunzione dovrebbe risolvere.

Quindi, la chiave è collegare le tue competenze ed esperienze a ciò di cui l’azienda ha bisogno e condividere un esempio che mostri come hai svolto un lavoro simile in passato o quali soluzioni hai adottato.

5. Perché dovremmo assumerti?

Questa domanda del colloquio sembra un po’ intimidatoria 🙂

Tuttavia se ti viene fatta questa domanda allora sei fortunato, perché non esiste un modo migliore per vendere te stesso e le tue abilità al responsabile delle assunzioni, se non rispondendo a questa domanda.

Il tuo compito in questo caso è creare una risposta che definisca questi tre punti: che non solo puoi fare il lavoro, ma anche ottenere grandi risultati; che ti adatterai davvero alla squadra e alla cultura aziendale; e che sarai un dipendente migliore di qualsiasi altro candidato.

6. Perché vuoi questo lavoro?

Le aziende vogliono assumere persone appassionate del lavoro, quindi dovresti avere pronta un’ottima risposta sul perché vuoi la posizione.

Se non lo riesci a pensare ad un’ottima risposta, allora probabilmente dovresti fare domanda di assunzione altrove.

Innanzitutto, identifica un paio di fattori chiave che rendono il ruolo adatto a te (ad esempio, “Amo l’assistenza clienti perché amo la costante interazione umana e la soddisfazione che deriva dall’aiutare qualcuno a risolvere un problema”), quindi condividi perché ti piace l’azienda (ad esempio, “Sono sempre stato appassionato di tecnologia e penso che in questa azienda stiate facendo grandi cose e mi piacerebbe farne parte “).

7. Quali sono i tuoi maggiori punti di forza?

Questa tra le domande del colloquio di lavoro, è un’ottima opportunità per parlare di qualcosa che ti rende eccezionale e che si adatta perfettamente al ruolo per il quale ti stai candidando. Quando rispondi a questa domanda quindi, pensa alla qualità, non alla quantità.

In altre parole, non snocciolare un elenco di aggettivi. Invece, scegli una o poche (a seconda della domanda) qualità specifiche che sono rilevanti per questa posizione e illustrale con esempi.

In questo modo potrai descriverti in modo specifico, senza utilizzare aggettivi generici o banali.

E se c’è qualcosa che speravi di menzionare perché ti rende un ottimo candidato, ma non hai ancora avuto una possibilità durante il colloquio, allora questo sarebbe il momento perfetto.

8. Quali sono i tuoi punti di debolezza?

Quello che il selezionatore sta davvero cercando di fare con questa domanda, oltre a identificare eventuali campanelli d’allarme, è valutare la tua onestà e la tua capacità di autovalutazione.

Quindi, devi trovare un equilibrio pensando a qualcosa del tuo carattere o del tuo modo di lavorare di cui non sei soddisfatto, ma che stai lavorando per migliorare.

Ad esempio, forse non sei mai stato bravo a parlare in pubblico, ma stai seguendo un corso di public speaking e a lavoro ti sforzi di esporre le tue opinioni davanti a tutti.

Domande sulla tua storia lavorativa

La base di ogni colloquio di lavoro è il tuo curriculum: cosa hai realizzato, come hai raggiunto determinati obiettivi o quali difficoltà hai incontrato e come le hai superate.

Per essere pronto, devi prepararti alcuni episodi (realmente accaduti) da raccontare sulle tue differenti esperienze lavorative.

9. Qual è il tuo più grande successo professionale?

Durante un colloquio non c’è niente di più efficace per farsi assumere di mostrare ottimi risultati raggiunti in esperienze lavorative precedenti.

Quindi non essere timido quando rispondi a questa domanda del colloquio!

Un ottimo modo per rispondere a questa domanda è descrivere la situazione e il compito che ti è stato richiesto di completare per fornire al selezionatore il contesto di base (ad esempio, “Nel mio ultimo lavoro come addetto alla fatturazione attiva, il mio compito era gestire il processo di fatturazione ai clienti“), quindi descrivi cosa hai fatto (l’azione) e cosa hai ottenuto (il risultato): “In 3 mesi ho semplificato il processo di fatturazione, facendo risparmiare al mio gruppo 10 ore di lavoro al mese e riducendo gli errori sulle fatture del 25%“.

10. Raccontami di una volta in cui hai commesso un errore

Probabilmente non sei troppo ansioso di parlare degli errori del passato quando stai cercando di impressionare un selezionatore per ottenere il lavoro.

Tuttavia, raccontare di un errore e conquistare il selezionatore non sono due cose che si escludono a vicenda.

In effetti, se lo fai bene, può aiutarti.

La chiave è essere onesti senza dare la colpa ad altre persone, quindi spiegare cosa hai imparato dal tuo errore e quali azioni hai intrapreso per assicurarti che non si ripetesse.

Ricorda che i datori di lavoro sono alla ricerca di persone sicure di sé, in grado di ricevere feedback e che si preoccupano di fare sempre meglio.

11. Parlami di una sfida o di un conflitto che hai affrontato al lavoro e di come l’hai gestito

Probabilmente durante il colloquio di lavoro non ti piacerà parlare dei conflitti che hai avuto durante la tua esperienza lavorativa. Ma se ti viene chiesto direttamente, non fingere di non averne mai avuto uno.

Sii onesto e descrivi una situazione difficile che hai affrontato, senza però entrare troppo nel dettaglio.

Attraverso questa domanda, la maggior parte dei selezionatori sta solo cercando di capire se sei disposto ad affrontare questo tipo di problemi e se sei in grado di fare un tentativo per arrivare ad una situazione condivisa.

Rimani calmo e professionale mentre racconti la storia (e rispondi a eventuali domande successive), dedica più tempo a parlare della risoluzione del problema, rispetto al conflitto e menziona cosa faresti diversamente la prossima volta per mostrare che sei aperto anche ad imparare da esperienze difficili.

12. Raccontami di una volta in cui hai dimostrato capacità di leadership

Non devi per forza avere un determinato titolo per agire come un leader o dimostrare capacità di leadership.

Pensa a una volta in cui sei stato a capo di un progetto, hai preso l’iniziativa di proporre un processo alternativo o hai contribuito a motivare il tuo team a fare qualcosa. Quindi racconta un episodio al selezionatore, assicurandoti di precisare il risultato che hai raggiunto.

13. Qual è stato il momento in cui non eri d’accordo con una decisione presa a lavoro?

L’aneddoto ideale qui è quello in cui hai gestito un disaccordo in modo professionale e hai imparato qualcosa dall’esperienza.

Quello che ti consiglio è di prestare particolare attenzione a come inizi e termini la risposta. Per iniziare, fai una breve introduzione per spiegare perché stai raccontando questa storia.

Ad esempio: “Ho imparato all’inizio della mia carriera professionale che puoi non essere d’accordo con una determinata decisione, se sei in grado di dimostrare la tua versione con dei dati“.

E per chiudere in bellezza, puoi fornire un riassunto di una frase della tua risposta (“In breve …“) o parlare brevemente di come ciò che hai imparato o guadagnato da questa esperienza ti aiuterebbe nel ruolo per il quale ti stai candidando.

14. Raccontami di una volta in cui hai fallito

Questa domanda è molto simile a quella sull’errore e dovresti affrontare la tua risposta più o meno allo stesso modo.

Assicurati di scegliere un vero e proprio fallimento di cui parlare onestamente. Inizia chiarendo all’intervistatore come definisci il fallimento.

Ad esempio: “Come manager, considero un fallimento ogni volta che vengo colto di sorpresa. Mi sforzo di sapere cosa sta succedendo alla mia squadra e al loro lavoro“.

Poi descrivi la tua storia in relazione a quella definizione e spiega cosa è successo.

Infine, non dimenticare di condividere ciò che hai imparato. Va bene fallire, tutti lo fanno a volte, ma è importante dimostrare che hai tratto qualcosa dall’esperienza.

15. Perché stai lasciando la tua attuale azienda?

Questa è una di quelle domande del colloquio di lavoro che ti verrà chiesta sicuramente.

Cerca di essere positivo, non hai nulla da guadagnare a essere negativo nei confronti del tuo attuale datore di lavoro. Invece, inquadra le cose in un modo che dimostri che sei desideroso di cogliere nuove opportunità e che il ruolo per cui stai facendo il colloquio è più adatto a te.

Ad esempio, “Mi piacerebbe davvero seguire tutte le fasi di sviluppo di un prodotto e so che avrei questa opportunità qui, mentre nella mia attuale azienda mi occupo solo della fase di progettazione“.

16. Qual è il tuo attuale inquadramento retributivo?

In questo caso sii onesto e dì la verità. Ricorda che l’azienda ha la facoltà di chiederti la tua ultima busta paga e quindi può tranquillamente verificare le informazioni che hai dato.

Se il tuo obiettivo è quello che ottenere un aumento di stipendio, avrai tutto il tempo di parlare di questo quando si arriverà alla proposta di assunzione.

L’obiettivo in questo caso del selezionatore è capire la tua situazione attuale per perfezionare un’eventuale proposta nel caso fossi tu il candidato prescelto.

17. Perché sei stato licenziato?

Un’altra domanda che potrebbero fare, nel caso fosse questa la tua situazione è “Perché l’azienda ha ritenuto che non servisse più il tuo contributo?”

Se hai perso il lavoro a causa di licenziamenti, puoi semplicemente dire: “La società è stata [riorganizzata / fusa / acquisita] e sfortunatamente [la mia posizione / il mio dipartimento] è stata/o eliminata/o“.

Ma cosa succede se venissi licenziato per motivi di prestazioni?

La cosa migliore è essere onesti. Descrivi la motivazione come un’esperienza di apprendimento, condividi come sei cresciuto e come ti approcci ora al lavoro, a seguito di quello che hai imparato.

18. Perché non hai lavorato in quel determinato periodo?

Forse ti stavi prendendo cura di bambini o genitori anziani, affrontando problemi di salute o viaggiando per il mondo. Forse ti ci è voluto molto tempo per trovare il lavoro giusto. Qualunque sia la ragione, dovresti essere pronto a discutere eventuali buchi lavorativi nel tuo curriculum.

La chiave è essere onesti, anche se ciò non significa che devi condividere più dettagli di quelli con cui ti senti a tuo agio.

Se ci sono abilità o qualità che hai acquisito o migliorato nel tuo tempo lontano dal lavoro, descrivile. Meglio ancora se riesci a parlare di come queste abilità ti potrebbero aiutare in questo nuovo ruolo.

19. Puoi spiegare perché hai cambiato percorso di carriera?

Non lasciarti spaventare da questa domanda: fai un respiro profondo e spiega al selezionatore perché hai modificato il tuo percorso di carriera.

Se riesci, fornisci alcuni esempi di come la tua esperienza passata sia trasferibile al nuovo ruolo.

20. Cosa ti piace di meno del tuo lavoro?

Rispondi con cautela in questa domanda!

L’ultima cosa che vuoi fare è lasciare che la tua risposta si trasformi in uno descrizione su quanto sia terribile la tua attuale azienda o su quanto odi il tuo capo o quel collega.

Il modo più semplice per gestire questa domanda con equilibrio è concentrarsi su un’opportunità che non hai nel tuo attuale lavoro e invece troveresti nel nuovo ruolo per il quale stai facendo il colloquio.

Puoi mantenere la conversazione positiva ed enfatizzare il motivo per cui sei così entusiasta del nuovo lavoro.

Domande su di te e sui tuoi obiettivi

Un altro aspetto cruciale di un colloquio è conoscere il candidato.

Ecco perché probabilmente incontrerai domande del colloquio di lavoro su come lavori, cosa stai cercando (ne lavoro, nel team, nell’azienda e nel superiore) e quali sono i tuoi obiettivi. È un buon segno se i tuoi intervistatori vogliono assicurarsi che tu sia adatto, o che tu ti integri nel team.

Usalo come un’opportunità!

21. Qual è il tuo stile di lavoro?

Quando un intervistatore ti chiede del tuo stile di lavoro o il tuo modo di lavorare, probabilmente sta cercando di immaginarti nel ruolo.

Come affronterai il tuo lavoro? Come sarà lavorare con te? Ti integrerai bene con il team esistente?

Puoi aiutarli scegliendo di concentrarti su qualcosa che è importante per te e si allinea con tutto ciò che hai imparato finora sul ruolo, sul team e sull’azienda. La domanda è ampia, il che significa che hai molta flessibilità nel modo in cui rispondi: potresti parlare di come comunichi e collabori nei progetti, come ti guidi un team e come gestisci i rapporti diretti, oppure come organizzi il tuo lavoro.

E ricorda, raccontare una storia basata su esperienze passate renderà quasi sempre la tua risposta più interessante.

22. Cosa stai cercando in questa nuova posizione?

La risposta ideale a questa domanda è citare le stesse cose che questa posizione ha da offrire.

Sii specifico focalizzati sulle responsabilità e sull’azienda.

23. Che tipo di ambiente di lavoro preferisci?

Anche in questo caso la risposta ideale è un’ambiente che sia simile all’ambiente dell’azienda per la quale ti stai candidando.

Come detto per la domanda precedente cerca di essere specifico.

24. Come gestisci la pressione o le situazioni stressanti?

Ecco un’altra domanda che potresti sentire il bisogno di eludere nel tentativo di dimostrare di essere il candidato perfetto in grado di gestire qualsiasi situazione.

Tuttavia è importante non farlo.

Invece, parla delle tue strategie che segui per affrontare lo stress (che si tratti di meditare per 10 minuti ogni giorno o andare a correre o tenere una lista di cose da fare super dettagliata) e di come comunichi proattivamente per cercare di mitigare la pressione.

Se puoi fornire un esempio reale di una situazione stressante che hai affrontato con successo, tanto meglio.

25. Qual è il tuo stile di gestione delle persone?

I migliori manager sono sicuri di sé, ma flessibili, ed è esattamente quello che vuoi mostrare nella tua risposta.

Pensa qualcosa del tipo: “Mentre ogni situazione e ogni membro del team richiede una strategia un po’ diversa, tendo ad affrontare le mie relazioni con i dipendenti come un coach…“.

Quindi condividi un paio dei tuoi migliori momenti manageriali, come quando hai fatto crescere il tuo team per dieci anni senza che nessuno se ne andasse o come ha supportato un dipendente poco efficiente fino a farlo diventare il miglior venditore dell’azienda.

26. Come ti descriverebbero il tuo capo e i tuoi colleghi?

Innanzitutto, sii onesto (ricorda che il responsabile delle assunzioni potrebbe anche chiedere ai tuoi ex capi ed ex colleghi eventuali referenze!).

Quindi prova a tirare fuori i punti di forza e i tratti che non hai discusso in altri aspetti del colloquio, come la tua forte etica del lavoro o la tua volontà di partecipare ad altri progetti quando necessario.

27. Cosa ti piace fare al di fuori del lavoro?

I selezionatori a volte ti chiedono dei tuoi hobby o interessi al di fuori del lavoro per conoscerti un po’ meglio, per scoprire a cosa sei appassionato e a cosa dedichi il tuo tempo durante le ore libere.

Questa è un’altra occasione per mettere in risalto la tua personalità.

Sii onesto, ma mantieni un profilo professionale e fai attenzione a non dare delle risposte che potrebbero far pensare che trascorri moltissimo del tuo tempo, anche a lavoro, concentrandoti sui tuoi interessi e presti poca attenzione al lavoro.

28. Come definisci le priorità al lavoro?

I selezionatori vogliono sapere se sei in grado di gestire il tuo tempo, di valutare in modo giusto le attività, di comunicare e di cambiare marcia quando necessario.

Inizia parlando di qualsiasi sistema o modalità che hai trovato che funziona per pianificare la tua giornata o settimana.

Quindi continua descrivendo un esempio passato di come hai reagito ad una richiesta dell’ultimo minuto o a un altro cambiamento inaspettato di priorità in passato, incorporando come hai valutato e deciso cosa fare e come hai comunicato con il tuo superiore e/o i tuoi colleghi a riguardo.

29. Come ti piace essere gestito?

Questa è un’altra di quelle domande del colloquio di lavoro un po’ particolari e sulle quali è necessario valutare bene che risposta dare.

Ripensa a cosa ha funzionato bene per te in passato e cosa no. Cosa hanno fatto i tuoi precedenti capi che ti ha motivato e ti ha aiutato ad avere successo e a crescere?

Scegli una o due cose su cui concentrarti e descrivile sempre con un’inquadratura positiva.

Anche se la tua preferenza deriva da un’esperienza in cui il tuo supervisore si è comportato in modo opposto, descrivi come vorresti che un manager si comportasse.

30. Di cosa sei appassionato?

Non sei un robot programmato per fare il tuo lavoro e poi spegnerti. Sei un essere umano e se qualcuno ti fa questa domanda in un colloquio, probabilmente è perché vuole conoscerti meglio.

La risposta può allinearsi direttamente al tipo di lavoro che svolgeresti in quel ruolo, ad esempio se ti candidi per diventare un programmatore e passi il tuo tempo libero provando a creare alcuni programmi base per app o per altri strumenti.

Ma non aver paura di parlare di un hobby diverso dal tuo lavoro quotidiano.

Meglio ancora se riesci a fare un ulteriore passo avanti e collegare il modo in cui la tua passione ti renderebbe un candidato eccellente per il ruolo per cui ti stai candidando.

31. Cosa ti motiva?

Prima di farti prendere dal panico nel rispondere a quella che sembra una domanda esistenziale, considera che l’intervistatore vuole assicurarsi che tu sia perfetto per questo ruolo in questa azienda e che, se sceglieranno te, sarai motivato ad avere successo.

Quindi ripensa a ciò che ti ha motivato nei ruoli precedenti e individua cosa ti ha colpito quando hai letto questa descrizione dell’annuncio di lavoro.

Scegli una cosa, assicurati che sia rilevante per il ruolo e l’azienda per cui ti stai candidando e prova a illustrare il tuo punto di vista.

Se sei onesto, come dovresti essere, il tuo entusiasmo emergerà.

32. Cosa ti irrita?

Ecco un’altra domanda che sembra un trabocchetto. Quando affronti questo tipo di domande del colloquio di lavoro, l’importante è capire il perché un selezionatore ti sta facendo questo domanda.

In questo caso, molto probabilmente, i selezionatori vogliono assicurarsi che avrai successo nella loro azienda e vedere come affronti i conflitti.

Quindi pur rimanendo onesto, assicurati di scegliere qualcosa che non contraddica la cultura e l’ambiente dell’azienda per la quale ti stai candidando. Quindi spiega perché e cosa hai fatto per affrontarlo in passato, facendo del tuo meglio per rimanere calmo e composto. Dal momento che non è necessario soffermarsi su qualcosa che ti infastidisce, puoi cercare di rispondere in modo breve.

33. Ti consideri una persona di successo?

Questa domanda potrebbe metterti a disagio. Ma puoi considerarla un’opportunità per consentire al selezionatore di conoscerti meglio e di individuare in te un candidato eccellente per questo lavoro.

Prima di tutto, assicurati di dire di sì!

Quindi scegli un risultato professionale specifico di cui sei orgoglioso che possa essere legato al ruolo per cui stai facendo il colloquio, uno che dimostri una qualità, abilità o esperienza che ti aiuti a eccellere in questa posizione.

Dovrai spiegare perché lo consideri un successo, parlare del processo che ti ha portato a raggiungere il risultato ed evidenziare i tuoi risultati senza dimenticare la tua squadra.

34. Dove ti vedi tra cinque anni?

Se ti viene posta questa domanda, sii onesto e specifico sui tuoi obiettivi futuri, ma considera che un responsabile delle assunzioni vuole sapere:

  • Se hai delle aspettative realistiche per la tua carriera
  • Se hai ambizioni
  • Se la posizione è in linea con i tuoi obiettivi e la crescita che stai cercando.

La soluzione migliore è pensare realisticamente a dove potrebbe portarti questa posizione e rispondere.

E se invece la posizione non è necessariamente in linea con le tue aspirazioni? Potresti dire che non sei abbastanza sicuro di cosa ti riserva il futuro, ma che vedi in questa esperienza, un contributo importante nell’aiutarti a scegliere la tua strada.

35. Stai pensando di avere figli?

Questa domanda, così come domande relative al credo religioso sono illegali e non dovrebbero venire fatte durante un colloquio.

In generale la cosa migliore se vengono fatte questo tipo di domande è cercare di schivarle per non compromettere l’esito del colloquio.

Prima di tutto devi capire perché il selezionatore o il responsabile delle assunzioni ti sta facendo questo tipo di domanda.

Poi devi preparare una risposta che affronti il motivo per cui il selezionatore ti ha fatto quella domanda, evitando in modo cortese di parlare della tua vita privata.

Un esempio di risposta in questo caso, potrebbe essere: “Non sono ancora arrivata a pensare a questo, ma sono molto interessata ai vostri percorsi di carriera. Puoi dirmi di più a riguardo?

36. Come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi di carriera?

Avere degli obiettivi mostra agli intervistatori che sei una persona ambiziosa che tieni a te stesso e che ti preoccupi del tuo futuro.

Avere un piano per raggiungere i tuoi obiettivi dimostra la tua motivazione, nonché le capacità organizzative e di gestione del tempo.

Infine, il fatto che tu abbia raggiunto gli obiettivi passati che ti sei prefissato è la prova della tua capacità di raggiungerli.

Tutte queste sono dimostrazioni del fatto che non solo puoi fissare e raggiungere i tuoi obiettivi, ma anche aiutare il tuo potenziale capo, squadra e azienda a fare lo stesso.

Quando pensi alla tua risposta, assicurati di concentrarti su uno o due obiettivi in ​​dettaglio, spiega perché gli obiettivi sono significativi, comunica quali traguardi stai raggiungendo, evidenzia i successi passati e collega la tua risposta a questo lavoro specifico.

37. Cosa ti rende unico?

Quando rispondi a questa domanda, devi fornire ai selezionatori un motivo per preferirti ad altri candidati simili. La chiave è individuare una risposta pertinente al ruolo per cui ti stai candidando.

Usa questa opportunità per dire ai responsabili delle assunzioni qualcosa che ti darebbe un vantaggio sugli altri candidati per questa posizione.

Per capire di cosa si tratta, puoi chiedere ad alcuni ex colleghi, ripensare a cosa ti distingue dagli altri o provare a pensare a perché le persone tendono a rivolgersi a te.

Concentrati su una o due cose e non dimenticare di portare delle prove per quello che dici.

38. Qual è il lavoro dei tuoi sogni?

In modo simile, l’intervistatore vuole scoprire se questa posizione è davvero in linea con i tuoi obiettivi di carriera.

In questo caso la risposta migliore è parlare dei tuoi obiettivi e ambizioni e perché questo lavoro ti permetterà di fare un passo per raggiungerli.

39. Stai facendo altri colloqui?

Le aziende potrebbero chiederti con chi altro stai facendo i colloqui per alcuni motivi. Forse vogliono vedere quanto ti interessa veramente questo ruolo o stanno cercando di scoprire con chi sono in competizione per assumerti.

Da un lato, devi esprimere il tuo entusiasmo per questo lavoro, ma allo stesso tempo, non vuoi dare all’azienda più potere di quanto non abbia già rispondendo che questo è l’unico colloquio che stai facendo.

A seconda di dove ti trovi nel tuo processo di ricerca, puoi parlare del fatto che ti sei candidato per altri annunci oppure che stai già facendo dei colloqui per ruoli che hanno determinate cose in comune.

Quindi descrivi come e perché questo ruolo sembra particolarmente adatto a te.

40. Cosa dovrei sapere che non è nel tuo curriculum?

È un buon segno se un selezionatore o un responsabile delle assunzioni è interessato a qualcosa di più di quello che c’è nel tuo curriculum.

Probabilmente significa che hanno guardato il tuo curriculum, pensano che potresti essere adatto per il ruolo e vogliono saperne di più su di te.

Per rendere un po’ più gestibile questa domanda aperta, prova a parlare di un tratto positivo, una storia o un dettaglio che riveli un po’ di più su di te e sulla tua esperienza, o prova a descrivere un obiettivo che ti appassiona in relazione al ruolo per cui ti stai candidando.

Domande sul lavoro

Alla fine della giornata, le persone dall’altra parte del processo di assunzione vogliono assicurarsi che tu sia in grado di gestire con successo questo ruolo. Ciò significa che potrebbero farti domande per vedere come gestiresti il tempo e capire che attività faresti nel tuo nuovo ruolo.

41. Come sarebbero i tuoi primi 30, 60 o 90 giorni in questo ruolo?

Il tuo potenziale futuro capo (o chiunque altro ti abbia posto questa domanda) con questa domanda vuole capire che hai fatto alcune ricerche per conoscere l’azienda, che hai pensato a come avresti iniziato e che saresti in grado di prendere l’iniziativa se assunto.

Quindi pensa quali sono le informazioni e gli aspetti dell’azienda e del team di lavoro che avresti bisogno di conoscere e con quali colleghi vorresti parlare.

Puoi anche suggerire un possibile progetto di partenza per dimostrare che saresti pronto a partire subito e dare il tuo contributo.

Questa non sarà poi necessariamente la prima cosa che farai se verrai assunto, ma una buona risposta dimostra che sei hai voglia di metterti in gioco e di dare il tuo contributo per il miglioramento dell’azienda.

42. Quali sono le tue aspettative di stipendio?

La regola numero uno per rispondere a questa domanda è: individua in anticipo quali sono i tuoi requisiti per lo stipendio.

Per avere un’idea di quale sia il range di stipendio medio per la tua posizione puoi usare Stipendio Giusto. Questo strumento gratuito, attraverso la compilazione di un questionario ti permette di capire come si colloca il tuo stipendio attuale in una scala dove viene indicato lo stipendio minimo, medio e massimo per una determinata posizione in una determinata città.

Assicurati poi di prendere in considerazione anche la tua esperienza, istruzione, competenze e bisogni personali!

Una volta che hai fatto questo puoi scegliere una di queste tre strategie:

  • Rispondi indicando un intervallo di stipendio, ma mantieni il limite più basso dell’intervallo dichiarato verso il punto medio-alto dell’obiettivo che ti sei dato.
  • Capovolgi la domanda, prova qualcosa come “Questa è un’ottima domanda, sarebbe utile se potessi condividermi il range che avete stimato per questo ruolo“.
  • Ritarda la risposta, prima di discutere della retribuzione, informa il tuo intervistatore che desideri saperne di più sul ruolo o su eventuali altri benefit.

43. Quando potresti iniziare qui da noi?

Il tuo obiettivo qui dovrebbe essere quello di definire delle aspettative realistiche che funzioneranno sia per te che per l’azienda.

Come funziona esattamente dipenderà dalla tua situazione specifica. Se sei pronto per iniziare immediatamente, ad esempio se sei disoccupato, potresti offrirti di iniziare entro la settimana. Se invece stai lavorando, informati prima su qual è il tuo periodo di preavviso.

È importante conoscere in anticipo questi aspetti perché questo dimostra ulteriormente che sei una persona preparata.

44. Sei disposto a trasferirti?

Una variante potrebbe essere se sei disposto a fare un certo numero di trasferte al mese.

Normalmente nell’annuncio di lavoro è indicata la sede di lavoro o la percentuale di trasferte. Tuttavia potrebbe comunque venirti fatta questa domanda nel caso l’azienda faccia parte di un gruppo internazionale. In questo caso l’azienda potrebbe valutare dopo qualche anno di farti crescere professionalmente dandoti la possibilità di lavorare in altre aziende del gruppo.

Una delle risposte che puoi dare è che sei totalmente disponibile a trasferirti.

Se invece la risposta è no, o almeno non in questo momento, puoi ribadire il tuo entusiasmo per il ruolo, spiegare brevemente perché non puoi trasferirti in questo momento, ma dire che eventualmente nel futuro sei disponibile a valutare un trasferimento nell’ottica di un percorso di crescita professionale.

Puoi anche dire che preferisci restare per determinati motivi, ma che saresti disposto a prendere in considerazione il trasferimento per l’opportunità giusta.

45. Cosa pensi che potremmo fare meglio o diversamente?

Questa è una delle domande del colloquio di lavoro più difficili a cui rispondere.

Come si fa a dare una risposta senza offendere l’azienda o, peggio, la persona con cui si sta parlando?

Quello che puoi fare è iniziare la tua risposta con qualcosa di positivo sull’azienda o sul prodotto specifico che ti è stato chiesto di discutere.

Quando sei pronto per dare il tuo feedback costruttivo, fornisci qualche informazione sulla prospettiva diversa che adotteresti e spiega perché faresti il ​​cambiamento che stai suggerendo, se possibile basato su alcune tue esperienze passate.

Puoi poi concludere dicendo: “Non so se avete già provato questo approccio, ma per qualche motivo non ha funzionato”.

In questo modo dimostri che conosci l’argomento, ma dai spazio al tuo interlocutore per parlare delle prospettive adottate dall’azienda nel passato e del perché poi si è deciso di adottare l’approccio attuale.

Domande che ti mettono alla prova

A seconda dello stile dell’intervistatore e della compagnia, potresti ricevere alcune domande piuttosto bizzarre. In questo caso i selezionatori stanno testando come pensi quando ricevi una domanda inaspettata.

Non farti prendere dal panico. Prenditi un momento per pensare e ricorda, non esiste un’unica risposta corretta o un unico approccio corretto.

46. ​​Quante palline da tennis ci stanno in una stanza?

Potresti chiederti… Sul serio? Esistono domande come questa?

In realtà non sono molto frequenti, ma potrebbero capitare soprattutto se ti stai candidando per posizioni in grandi gruppi internazionali.

Per prima cosa non farti prendere dal panico e se necessario prenditi un po’ di tempo. Per farlo potresti rispondere: “Questa è una domanda davvero interessante, mi lascia un po’ di tempo per pensarci?”.

L’importante è non fare scena muta.

Ricorda poi che il selezionatore non vuole necessariamente un numero esatto: vuole assicurarsi che tu capisca cosa ti viene chiesto e vuole valutare il tuo modo di ragionare.

Una esempio di risposta in questo caso è capire le dimensioni della stanza, quindi potresti chiedere: “Di che dimensioni è la stanza?”. In questo modo il selezionatore può capire come stai ragionando e allo stesso momento stai rilanciando la domanda a lui.

A questo punto il selezionatore potrebbe abbandonare la domanda perché ha capito come ragioni, oppure continuare dandoti le dimensioni della stanza. Nel secondo caso dovresti sapere le dimensioni di una pallina da tennis, per poter dividere il volume della stanza per il volume di una pallina da tennis e trovare quindi il numero di palline.

Siccome conoscere il volume di una pallina da tennis non è una cosa così comune, potresti semplicemente spiegare il tuo ragionamento a parole, senza calcolare il numero preciso.

47. Se fossi un animale, quale vorresti essere?

Domande apparentemente casuali tipo questa servono al selezionatore per capire la tua personalità e il tuo modo di ragionare.

In questo caso non c’è una risposta sbagliata, ma guadagnerai immediatamente punti se la tua risposta ti aiuta a condividere i tuoi punti di forza, o a descrivere la tua personalità.

48. Vendimi questa penna

Se stai facendo un colloquio per un commerciale, il selezionatore potrebbe metterti alla prova e chiederti di vendergli una penna sul tavolo, o un blocco per gli appunti, o una bottiglia d’acqua, o semplicemente qualcosa.

La cosa principale che sta testando il tuo interlocutore è come gestisci una situazione di alta pressione.

Quindi cerca di rimanere calmo e sicuro di te e usa il tuo linguaggio del corpo, ad esempio stabilendo un contatto visivo, sedendoti dritto e altro ancora, in modo da comunicare che puoi gestire la situazione.

Assicurati di ascoltare, comprendere le esigenze del tuo “cliente”, ottenere informazioni specifiche sulle caratteristiche e i vantaggi dell’articolo e concludere alla grande, come se stessi davvero chiudendo una trattativa di vendita.

Domande conclusive

Quando arriva il momento di concludere il colloquio, quasi sicuramente avrai il tempo di porre le domande che ti aiuteranno a decidere se questa azienda e questo ruolo potrebbero essere quelli giusti per te.

Se non ti lasciano il tempo di porre domande in nessuna delle tue interviste, potrebbe essere un segnale di avvertimento che dovresti valutare.

49. C’è qualcos’altro che vorresti che sapessimo?

Proprio quando pensavi di aver finito, il selezionatore ti pone un’altra domanda ambigua.

Niente panico, non è una domanda trabocchetto!

Puoi usare la risposta come un’opportunità per chiudere l’incontro alla grande.

Innanzitutto, se c’è davvero qualcosa di rilevante che non hai avuto la possibilità di menzionare, fallo ora. Altrimenti, puoi riassumere brevemente le tue competenze. Ad esempio, potresti dire: “Penso che ne abbiamo coperto la maggior parte degli aspetti, ho capito che state cercando una persona che possa integrarsi fin da subito nella vostra azienda e iniziare immediatamente a dare il suo contributo. Con la mia precedente esperienza [descrivere l’esperienza] penso che riuscirei a farlo con successo”.

50. Hai domande per noi?

Probabilmente lo sai già, ma un colloquio non è solo un’opportunità per un responsabile delle assunzioni di metterti alla prova, è anche un’opportunità per te di capire se il lavoro che ti stanno proponendo è quello giusto per te.

Cosa vuoi sapere sul ruolo specifico? sull’azienda? Sul team in cui ti inserirai?

Ricorda che è sempre bene fare qualche domanda, perché dimostra il tuo interesse per il ruolo e per l’azienda e fa capire che sei una persona che conosce gli aspetti importanti di un determinato ruolo.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto un elenco molto completo delle domande del colloquio di lavoro che ti potrebbero venire chieste e delle relative risposte.

Il trucco è prepararsi per tempo, leggendole e provando a dare una risposta per ognuna di esse. Per prepararti al meglio per il colloquio potresti anche chiedere ad un amico o parente di farti le domande e darti un parere sulle risposte che dai, in modo da avere anche un feedback esterno.

Leggi anche l’articolo “Come superare un colloquio di lavoro” per aumentare le tue probabilità di ottenere un lavoro

Se vuoi un aiuto da un professionista, puoi richiedere una consulenza per la simulazione di un vero e proprio colloquio, in cui alla fine analizzeremo insieme le risposte che hai dato e valuteremo cosa c’è da migliorare.

Spero che questa guida ti sia d’aiuto per superare con successo il tuo prossimo colloquio!

Se hai dubbi e domande puoi scrivere un commento qui sotto oppure scrivermi su Instagram (@monicalucadello)

Buona ricerca!

Monica

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *